Durante la notte tra il sabato 26 e la domenica 27 dell’ottobre del 2002, le diverse scosse di terremoto ci avvertono che l’Etna si è risvegliato da una tregua durata circa 15 mesi. Ad esser principalmente interessato dalla violenta attività parossistica del vulcano è il versante nord di Linguaglossa. Tutto Piano Provenzana con strutture turistiche annesse, totalmente coperti dalle colate laviche, strade squarciate, e parte della secolare Pineta Ragabo in fiamme, ecco il risultato della forza devastante del nostro Vulcano Etna, che in questa occasione, ha deciso di farci tremare.

Partendo da Piano Provenzana (quota 1800 m) raggiungiamo i crateri dai quali si è scatenata la più importante eruzione degli ultimi decenni sul versante nord del vulcano. Attraversiamo la colata fuoriuscita da questi crateri lungo un sentiero che costeggia il canale di scorrimento lavico, un profondo canyon inciso dall’enorme massa magmatica che ha invaso e distrutto parzialmente la secolare Pineta Ragabo. Da qui, rientriamo a Piano Provenzana.

Giorno stabilito: A partire dal mese di Aprile ogni martedì-giovedì-sabato
Durata: 2 ore e mezza circa
Difficoltà: Facile
Luogo di partenza: Partenza dal Ristorante "Monte Conca" (Piano Provenzana Etna Nord)
Ora di partenza: 10:30
Equipaggiamento consigliato: Scarpe da trekking, abbigliamento a strati per le diverse temperature che si possono trovare durante l’escursione, cappellino, bastoncini telescopici (se si hanno).
Note: La prenotazione è necessaria e può avvenire tramite modulo di contatto, e-mail o telefonicamente al (+39) 0957774502.
Avvertenze: L’ESCURSIONE È ASSOLUTAMENTE VIETATA A CARDIOPATICI, ASMATICI E IPERTESI.